222015Giu

APP per la riabilitazione ecologica: un progetto innovativo per Vodafone Think

È sul tema degli ausili per le disabilità cognitiva, intellettive e relazionali che Progettazione ha presentato il progetto sul Bando Vodafone Think for Social.

Il Bando, che si è chiuso a fine aprile, è un’iniziativa promossa da Fondazione Vodafone Italia in collaborazione tecnica con PoliHub, che vuole scoprire e sostenere progetti di innovazione capaci di sfruttare le nuove tecnologie per rispondere al meglio ai bisogni sociali attuali ed emergenti.
APP: the brain aid – APP: gli ausili del cervello.
Il Progetto ripropone il tema delle APP per la riabilitazione ecologica, un tema sul quale Progettazione sta lavorando da anni.
Un tema che diventa uno strumento in più per il terapista delle riabilitazione che consente:
– la co-costruzione col paziente di un programma riabilitativo ad hoc in funzione delle specifiche competenze/richieste ambientali;
– la creazione di un ponte tra il setting clinico e il contesto di vita reale;
– l’utilizzo di materiale a maggiore validità ecologica garantisce una maggiore trasferibilità degli apprendimenti dal setting riabilitativo alla vita quotidiana.

Un’azione complessa può essere appresa tramite simulazione virtuale quanto più il processo virtuale è coerente con il reale svolgimento delle sequenze di atti che lo caratterizzano.
Anche nel progetto  APP: the brain aid – APP: gli ausili del cervello, le APP per la  riabilitazione ecologica mantengono obiettivi significativi:
– favorire l’inserimento o il reinserimento scolastico e/o lavorativo;
– permettere l’innestarsi del meccanismo dell’autoresponsabilizzazione, consentendo all’individuo di sviluppare il proprio potenziale personale;
– trasferibilità delle competenze;
– favorire la comunicazione ponendo attenzione alle relazioni umane;
– sviluppare progettualità;
– promuovere il senso di auto-efficacia.

Come si interviene:
1) valutazione delle competenze cognitive e delle abilità sociali e definizione di obiettivi individuali;
2) predisposizione di un pacchetto di app funzionale alle difficoltà/risorse residue individuate e alle richieste dell’ambiente di riferimento;
3) percorso di formazione all’utilizzo del tablet e delle APP ed eventuale addestramento del care-giver;
4) monitoraggio da parte del neuropsicologo;
5) valutazione delle abilità apprese e aggiornamento del percorso riabilitativo.

Per maggiori informazioni visitare il seguente sito internet:
http://www.traumacranico.net/#

Share Button