Riabilitazione post traumatica.  Cosa fare alla dimissione dall’ospedale o dalla struttura medico-riabilitativa?

Prima cosa: non chiudersi in se stessi. Non perdere la speranza di recupero delle capacita’ perse. Non chiudersi in casa.

Dopo un danno cerebrale dovuto a Traumi cranici, Ischemie/ictus o Emorragie, Stati di anossia e Ipossia cerebrale, possono conseguire menomazioni della sfera cognitiva, senso-motoria, emotiva e comportamentale, tali da comportare disabilità.

La riabilitazione post traumatica anche dopo la dimissione ospedaliera, riguarda il reinserimento in società, in famiglia, al lavoro o riprendere gli studi di persone con cerebro lesione acquisita. Un percorso spesso lungo, ma possibile.

La Cooperativa Progettazione dal 1999 si occupa di re-inserimento sociale di persone con Lesioni cerebrali.

Perche’ riabilitazione post traumatica riguarda anche persone con un danno cerebrale determinato da uno stato di coma di durata non inferiore alle 24 ore.
Le attività di riabilitazione post traumatica si sviluppano nel restituire un “nuovo progetto di vita”, focalizzandosi non solo sulla riabilitazione cognitiva ma anche e soprattutto, su quella sociale e lavorativa.

Le persone, dopo una lesione al cervello, possono presentare diversi gradi di disabilità, ma per tutti vale la considerazione che un intervento riabilitativo sociale precoce, globale e coordinato può consentire importanti evoluzioni del quadro clinico, contribuendo a contenere gli esiti inabilitanti.


Le possibilità: i percorsi della riabilitazione

All’interno dei percorsi di  riabilitazione post traumatica la persona fruisce sempre di interventi individualizzati, funzionali al suo reinserimento sociale ed al suo “nuovo progetto di vita“.

Per tutto il periodo riabilitativo è possibile, inoltre, usufruire di sostegno psicologico e di servizi specifici di “sollievo alla famiglia”.

E’ attivo, ed a disposizione dei familiari, un Gruppo di Auto Mutuo Aiuto supervisionato dal councelor della cooperativa.

La riabilitazione post traumatica  interviene all’atto dell’uscita dall’ospedale e, dove possibile, anche durante il periodo della riabilitazione ospedaliera con lo scopo di evitare l’isolamento e il deterioramento delle funzioni cognitive. Prosegue poi con azioni volte al miglioramento delle funzioni cognitive, al recupero delle abilità della vita quotidiano e al reinserimento sociale, scolastico, lavorativo. I percorsi si realizzano principalmente presso le nostre strutture, ma anche sul territorio di appartenenza (percorsi socio-occupazionali, laboratori protetti, tirocini formativi, ecc.), presso i luoghi di lavoro e le scuole frequentate.

Le attività riabilitative sono flessibili, modulari e sono modellate in base all’iter riabilitativo e alle necessità logistiche della persona e della famiglia.

la filiera delle possibilità riabilitative sono molte: interventi domiciliare, logopedia, strutture diurne e centri diurni, laboratori pe il recupero delle competenze lavorative, centri residenziali per la residenzialità temporanea e il sollievo, accompagnamento al rientro al lavoro, appartamenti di housing per la verifica delle possibilità di vita autonoma. E molto altro.


Per approfondimenti, informazioni, consulenze e visite conoscitive sono a disposizioni i Centri di:

Milano: Via Teodosio, 4 – Tel: 02 70638795 – Mob: 346 3264837 – mail:  c.maggio@cooperativaprogettazione.it

Bergamo: Via Giorgio e Guido Paglia, 26 – Tel: 035 236385 – Mob: 347 6500755 – mail: info@cooperativaprogettazione.it

Pedrengo (Bg): Via G. Battista Moroni, 6 – Tel: 035 657351 – Mob: 346 3264837 – mail: info@cooperativaprogettazione.it

Serina (Bg):  Via Europa, 20 – tel. 0345.65185 – Mob: 346 3264837 –  mail: e.milanesi@cooperativaprogettazione.it


visita il sito completo e approfondisci con il VIDEO La storia di Achille

Tutto per riprendersi la vita post lesione cerebrale

Cooperativa Progettazione

VIDEO:

La storia di Achille


ecco la nostra newsletter. Iscriviti per restare aggiornato su iniziative, proposte, occasioni, convivialita’.


Ultime News  

Reinserimento lavorativo e Lesioni Cerebrali. Il Progetto pilota sviluppato con la Provincia di Bergamo e il Consorzio Mestieri Lombardia al Congresso della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica

Reinserimento lavorativo e Lesioni Cerebrali. Il Progetto pilota sviluppato con la Provincia di Bergamo e il Consorzio Mestieri Lombardia al Congresso della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica

Il reinserimento lavorativo di persone con Lesione Cerebrali. Il Progetto pilota sviluppato con il Consorzio Mestieri Lombardia al Congresso della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica Il Consiglio Direttivo SIRN ha trovato di grande rilevanza il progetto pilota legato al reinserimento lavorativo di persone con GCA ed ha accettato l’abstract presentato da ProgettAzione come comunicazìone orale e pubblicazione per il XX Congresso Nazionale SIRN 2020. Il Progetto riguarda la sperimentazione di nuovi strumenti di indagine e valutazione come supporto all’inserimento lavorativo rivolto a soggetti disabili non immediatamente collocabili e svolta da un’equipe specializzata di psicologi/psicoterapeuti e neuropsicologi, oltre ad un’accurata consulenza sulla situazione sanitaria e sul quadro normativo complessivo offerta da operatori specializzati.

Diagnosi DSA per adulti: 4 campi di applicazione che ne svelano l’utilità

Diagnosi DSA per adulti: 4 campi di applicazione che ne svelano l’utilità

I disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) sono disturbi neuroevolutivi e, come tali, possono l’intero arco della vita, compresa l’età adulta. Ma cominciano ad essere riconosciuti e supportati. Attualmente, la normativa italiana stabilisce che gli Atenei forniscano agli studenti con DSA l’accoglienza, il tutorato, la mediazione con l’organizzazione didattica e il monitoraggio dell’efficacia delle prassi adottate. L’utilizzo degli strumenti compensativi è garantito tanto per le prove di ammissione quanto per gli esami accademici, previa presentazione di una certificazione valida redatta al massimo nei 3 anni precedenti. In previsione dunque di un’iscrizione universitaria è necessario aggiornare la propria certificazione DSA

Progetti  

  • Test Cognitivo: sempre dopo i 65 anni !
    Test Cognitivo: sempre dopo i 65 anni !

    Una valutazione sulle funzioni cognitive. Indispensabile per prevenire le malattie neurodegenerative. Per informazioni: c.maggio@cooperativaprogettazione.it

    Ausili per la disabilità cognitiva
    Ausili per la disabilità cognitiva

    Ausili per la disabilità cognitiva:presso i Centri riabilitativi di Progettazione si utilizza tutta la tecnologia possibile per supportare le attività e le azioni di persone con handicap cognitivi/comportamentali, con procedure consolidate e azioni sperimentali che supportano la...